Pubblicato da: campolibanosci | dicembre 26, 2007

Crisis e kairos / suggestioni per il tempo debito

Siamo davvero sicuri che esista una reciprocità nelle relazioni che stiamo istaurando con queste persone? Siamo certi che alla fine, come spesso avviene, non avremo goduto dei nostri privilegi per affermare la nostra bravura nel dare il superfluo raccogliendo il necessario? Il nostro incontro non è naturale come crediamo, è programmato, mosso dalla possibilità di compensare le nostre mancanze con il minimo sforzo che assume grandezza solo relativamente.
Saremo onesamente capaci di quantificare i termini dello scambio che avremo avuto con questa gente? Ho l’impressione che al di là delle intenzioni e dei presupposti, la nostra condizione ci pone sempre in uno stato di privilegio. Quanti di noi sposeranno una causa una volta conclusa l’esperenza, quanto inciderà sul nostro modo di decidere e di vivere la nostra libertà di scegliere? è contorto il mio pensiero, ne tengo conto. Vorrei sapere se c’è una crisi in corso in ognuno di noi, e se questa crisis è propedeutica al bivio, al kairos. Gli antichi greci avevano due parole per il tempo, chronos e kairos. Mentre la prima si riferisce al tempo come lo intendiamo noi, la seconda significa “tempo nel mezzo”, indeterminato, dedicato a “qualcosa di speciale” che non può non avvenire. Chi usa la parola stabilisce la “cosa speciale”. Mentre chronos è quantitativo, il kairos è qualitativo.
Esso implica una visione del tempo che possa conciliarsi con un’esigenza d’efficacia dell’azione umana. E mi riporta ai due problemi con i quali mi confronto costantemente e inevitabilmente: quello dell’azione e quello del tempo.
Il kairos si ricollega ad un certo tipo di azioni che devono essere compiute “tempestivamente” e non tollerano né il ritardo, né l’esitazione. Io spero che possiamo rivederci, in un tempo debito, a quel bivio. Do’ appuntamento lì a tutti i miei compagni di viaggio, confidando nel fatto che la mia crisi di adesso mi faccia arrivare puntuale all’incontro.

Vito

Annunci

Responses

  1. caro amico,

    i tuoi dubbi sono più che legittimi, il punto della questione è esattamente questo, quanto facciamo per gli altri non per il semplice dovere di farlo, ma per appagare noi stessi. ma questo appagare noi stessi, è una prima strada, è come una indicazione di qual è la giusta via.
    è nel momento in cui dedicare sè stessi al prossimo diventa la nostra stessa vita, che risolviamo il dilemma. ma non siamo pronti, tanti sono gli angoli da smussare in noi. aiutando aiutiamo noi, in senso più compiuto.
    è solo questione di tempo, la crisi è in atto, soprattutto dentro di noi, l’anima comincia a pulsare come mai aveva fatto prima..l’insicurezza come guida alla verità?
    il punto in cui non esiste egoismo, in cui non esiste orgoglio, dove l’umiltà non è più necessaria e la gioa di donare sè stessi diventa irrefrenabile, è là che noi dobbiamo andare.

  2. grazie. Perché quando dico “conoscere se stessi attraverso gli altri” mi faccio forte di un’esperienza fatta di conoscenza di me attraverso altri che hanno nomi che posso ritrovare in mille modi. Anche in un commento a un mio post, amico mio.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: