Pubblicato da: Staff "Il Blog di DIMITRI, il verseggiatore" | dicembre 28, 2007

Silenzi. Smorti e ritorti

Aria profumata

tra il filo spinato

occhi di donna

 ——

Il confine e’ vicino

il cielo lo spezza

Ayta sul fuoco

 ——

Case distrutte

e’ li un parco giochi

su chiodi innevati

—– 

Storie e martiri

graffiati sui muri

brilla il tramonto

—–

Dita penzoloni

stese sui balconi

sotto uliveti.

 —–

Pozzi d’acqua inquinate

dentro lacrime nere.

Beve il passante.

Acqua salata.

—–

Tacchi a spillo.

Opulenza.

Pane, Acqua e silenzio.

Carceri senza chiavi.

—–

 Il tuo paradiso

 sara’ quest’addio.

Come mille agonie

 —

Nulla presiede.

Neanche le offese

Silenzi.

Smorti e ritorti…

(Dimitri Ruggeri -Burj al Ahamali e Ayta)

Annunci

Responses

  1. Dimitri, è bellissima, in questi giorni ho perso un
    pò di passaggi perchè ero fuori ma tu rendi perfettamente tante sensazioni! bravo
    P.S. le carceri senza chiavi, perchè non c’è speranza o perchè in fin dei conti non ci sono davvero porte chiuse??


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: