Pubblicato da: campolibanosci | gennaio 3, 2008

Sulle nostre teste.

Il Libano, stato fragile che si regge su una delicata alchimia confessionale, è solo un terreno di scontro tra l’Occidente e i suoi alleati, da una parte, e l’Iran e la Siria, dall’altra. Il 29 dicembre 2007 non si può che prendere atto del fallimento dei tentativi di ricostruire un potere centrale. Per l’undicesima volta consecutiva Nabih Berri, presidente del Parlamento, ha deciso di rinviare la seduta per l’elezione del nuovo capo dello Stato, tuttora assente. Si spera che il capodanno non sia stato inaugurale di un 2008 ancora all’insegna del rischio.

La presenza del contingente delle Nazioni Unite in Libano (Unifil) non offre nessuna tutela dall’eventualità di uno scontro con Israele, in qualsiasi momento. Il Libano si è rinchiuso in una silenziosa guerra civile che vede, da un lato, il governo Siniora e, dall’altro, l’opposizione formata da Hezbollah e Amal e dalla Corrente patriottica libera del generale Michel Aoun. E mentre la crisi politica è cronaca locale, la cronaca è fatta di scontri tra fazioni che a Beirut hanno portato il confltto tra le strade tuttora presidiate dall’esercito.

Al sud invece, nell’altro Libano, roccaforte estesa di Hezbollah, l’unico conflitto contemplato e temibile è quello militare con Israele. La calma in cui si vive non è indicatore di una pace apparente, è piuttosto la prova che davvero ci si può abituare a tutto. La guerra è più di una possibilità. Un esempio: nel Libano meridionale non è frequente vedere passare aerei, lo spazio aereo non è frequentato quasi completamente. Chi vive qui, nel convivere con la storia passata e presente del Paese, associa il passaggio di un elicottero ad un evento eccezionale che può anticipare qualcosa di usuale, come un raid, un’incursione o una guerra. Così, quando un elicottero è volato sulle nostre teste mentre eravamo in una zona al confine con Israele (circondati da macerie e con militari in ordine sparso lungo il tragitto), il primo pensiero è stato di allerta. Né paura né suggestione, che sarebbero le legittime ragioni alla base di tale pensiero, ma solo esperienza.
Perché vivere in mezzo ai profughi, essere un obiettivo militare, vivere con i sensi allertati in ogni momento, sconvolge le abitudini e la “normalità”. Normale è imparare a distinguere la provenienza e la natura di un colpo d’arma da fuoco, modificare continuamente tragitti e agenda per un chek point o un presidio, assistere a un’azione militare che si svolge nella strada parallela senza sentirsi in pericolo. Normale è il confronto con la morte, con la relatività delle cose, con un militare o con chiunque eserciti il controllo e disponga in maniera non esclusiva dell’uso della forza più o meno arbitrariamente, avere addosso o attorno delle armi, sentire la presenza di ciò che non si vede.
Ma normale è anche ripensare alla proprietà di cose e persone, ai rapporti personali e sociali, inventarsi costantemente il presente, riprogrammare l’istante seguente, avere un obiettivo, credere in qualcosa. Qualcuno sceglie di vivere questa sfida, per troppi ancora, questa condizione non è una scelta, non è libertà.

Vito

Annunci

Responses

  1. «Avevo un fratello. Non ci siamo mai visti, ma non importava. Avevo un fratello che andava per i monti mentre io dormivo. Lo amai a modo mio. Gli rubai la voce, libera come l’acqua. Camminai a tratti vicino alla sua ombra. Non ci siamo mai visti, ma non importava. Mio fratello sveglio, mentre io dormivo. Mio fratello che mostra, al di là della notte, la sua stella prescelta.»

    Mio fratello che, continuando a inseguire l’impossibile, prova a ricostruire la pace con ciò che agli occhi dei grandi appare piccolo…mio fratello che con l’essere lì continua a cercare un modo per restituire la possibilità di scegliere….

  2. E’ l’equilibrio impossibile fra libertà e imposizione, quello che state raccontando. Impressionante che “inventarsi il presente” sia un’arte o una questione di sopravvivenza a seconda del lato del Mediterraneo in cui si nasce. Bello che abbiate scelto di stare “del lado de allà”. E’ un pezzetto di futuro che nasce oggi e si chiama presente.
    Elena

  3. La domanda è: ora che lascerete il “lato di là” ora che possedete la conoscenza pratica di quello che c’è,cosa farete? Come tornare qui da occidentali che hanno una casa nel sicuro mondo del caos, senza chiudere quest’esperienza in una parentesi?
    Io spero e auguro a voi (e anche a noi che vi abbiamo seguito) che non chiudate la parentesi che vi riportiate a casa riflessioni, domande, indignazione, gioie, rabbia e ferite difficili da guarire e che pizzicando vi impediscano di mettere fra parentesi quello che avete vissuto…e che in qualche modo ci avete regalato!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: